Gaeta:

Gaeta: Cajeta la nutrice di Enea

Un paese di storia e tradizioni

Scopri
Gaeta:

Gaeta: Un territorio tra due mari...

Fortificazioni per difendere il territorio

Scopri
Gaeta:

Gaeta: porticciolo S.Maria

Un paese di storia e tradizioni

Scopri
Gaeta:

Gaeta: tramonto a torre Viola

Un paese di storia e tradizioni

Scopri
Gaeta

Gaeta Medaglia d'argento al valore civile

un museo a cielo aperto

Scopri

Gaeta vista dall'alto

Panorama

Turismo per Famiglie: Enogastronomia

Mangiare è una necessità. Mangiare intelligentemente è un'arte.

Gaeta, in quanto città di mare, offre naturalmente tutte quelle opportunità che gli amanti della cucina del pesce si aspettano di trovare. Infatti non c'è che l'imbarazzo della scelta, si possono trovare ristoranti ampi per un numero di commensali elevato e si può trovare le osterie tipiche con un menù da degustazione. Una cosa è certa, tutto è cucinato all'istante con il pescato del giorno.  Ma Gaeta offre qualcosa di più, il pesce lo si vede direttamente nelle cassette che i pescatori espongono al tramonto del sole sui banchi disposti parallelamente al lungomare nel tradizionale "Mercato del Pesce".
Gaeta offre anche un'altra sorpresa: la tiella, una tipica pizza rustica composta da pasta di pane al cui interno viene messo un condimento diversificato. il polpo e le olive, le alici e la scarola, la scarola e le olive, la scarola con le olive ed il baccalà. Aglio, olio extra vergine di oliva e peperoncino profumano tutte quelle preparate con il pesce e quelle di verdura.

I prodotti tipici locali possono essere gustati nei ristoranti che usano ancora antiche ricette. La cucina gaetana offre un vasto assortimento di prodotti gastronomici, da quelli di campagna a quelli di mare: è fatta di cose semplici e naturali, dal pesce del mare che bagna la città ai prodotti della terra. 
I numerosi punti di ristoro dislocati negli storici locali della cittadella sono a testimoniare l'interesse dei gaetani per l'arte culinaria, al punto che addirittura una chiesa (Santa Maria della Sorresca) è legata a questa antica tradizione. 
Nella cucina gaetana sono molti i piatti a base di pesce. Zuppa o pesce all'acqua pazza dal delicato sapore, fritture, spiedini, pesci arrostiti, squisite le triglie, e la scapece (da Apicio, autore latino di una raccolta di ricette gastronomiche). Questa è una salsa gaetana con la quale si condisce il pesce azzurro come alici, sarde, sgombri: si tratta di una salsa semplice ma gustosissima che si ottiene amalgamando in un mortaio aceto, olio, sale, mentuccia e peperoncino. L'intingolo si versa sul pesce già precedentemente fritto che si lascia marinare per almeno due ore. 
La "tiella" è una specialità, una pietanza che rappresenta la sintesi delle risorse alimentari principali della città: i suoi ingredienti provengono da prodotti del mare e della terra. Non c'è ristorante, trattoria,pizzeria o anche fast food oggi a Gaeta che sia privo della famosa tiella (cozze, sarde, polpi, calamaretti, spinaci, cipolla, scarola, baccalà, ecc.), che ha certamente una matrice popolana in quanto apprezzata da pescatori e contadini che la consumavano in luogo del "panino" farcito di salumi o formaggi durante il pasto di mezzogiorno. 
Quasi indispensabile la presenza delle olive nere di Gaeta: un frutto marrone scuro, carnoso e molto gustoso il cui osso si snocciola facilmente e si presenta pulito, senza cioè residui di polpa. verso la fine del 1400 era uno dei più importanti mercati dell'olio nel bacino Mediterraneo. Nei frantoi collettivi, collocati nei numerosi monasteri gaetani, i monaci macinavano le olive in cambio di una quantità d'olio che rimaneva al monastero come dazio o gabella.


Gallery

Minestra di carciofi e patate

Minestra di carciofi e patate

Fate cuocere gli ingredienti in più acqua ed aggiungete a metà cottura la pasta (corta e di media grandezza, es. i ditalini). Variante: Carciofi e patate al forno. Si preferisce oggi usare il forno, ed allora in una teglia si mettono tutti gli i...


Tiella di Gaeta

Tiella di Gaeta

E’ composta da due sottili strati circolari di pasta, posti uno sull’altro, chiusi lungo i bordi per compressione. Il ripieno è di solito costituito da prodotti di terra o di mare, o da entrambi, secondo la fantasia della massaia. Va cotta al fo...


Calamaretti alla votapiatto

Calamaretti alla votapiatto

600 gr di calamaretti, un po' di farina, olio, sale. Mettete su un fuoco vivace una padella in rame, con poco olio. Quando l’olio è molto bollente versateci i calamaretti infarinati e con una forchetta schiacciateli e compattateli contro il fond...

Gelatina di Maiale: "la Liatina"

Gelatina di Maiale: "la Liatina"

La gelatina di maiale è un piatto tipico gaetano del periodo invernale. Ricetta per sei persone: un quarto di testa di maiale, due piedini, il gambone, conserva di pomodoro di quella asciugata al sole, o in sostituzione otto peperoni rossi, diec...


Seppie e patate

Seppie e patate

Si prendono solitamente delle seppie grandi, si puliscono molto bene, si lavano fino a che siano bianchissime, si tagliano a pezzi grandi e si soffriggono in una casseruola con olio e aglio. Quando l'aglio è rosa, si aggiunge il pomodoro tagliato...


Alici salate (acciughe in salamoia)

Alici salate (acciughe in salamoia)

Per ogni chilogrammo di alici fresche circa 300 grammi di sale marino. Recipienti in coccio o vetro per la conservazione. Liberate le acciughe della testa e delle interiora e lavatele in acqua, preferibilmente marina. Ponetele su una spianatoia...

Broccoli di rapa e canocchie

Broccoli di rapa e canocchie

3 fasci di broccoli di rapa, una dozzina di canocchie, 2 spicchi d’aglio, 1 dl d’olio d’oliva, 1 peperoncino rosso, sale. Pulite e lavate i broccoli (broccoletti). In una casseruola mettete a soffriggere l’olio con l’aglio ed il peperoncino. Qua...


Polpette di pesce

Polpette di pesce

600 gr di pesce (sarde, alici, merluzzo, pesce sciabola, ecc.), 2 uova fresche, un paio di fettine di pane raffermo bagnato, sale, aglio, pepe, prezzemolo tritato e farina. Pulite il pesce, diliscatelo e lasciatelo a bagno per un’ora in acqua e...


Zeppole di baccalà

Zeppole di baccalà

600 gr di baccalà già bagnato, farina. lievito in polvere, olio per friggere sale e pepe. Fate una pastella con la farina, il lievito, il sale e l’acqua. Amalgamate e lasciatela leggermente lievitare. Preparate tanti tocchetti con il baccalà, ba...

Sarde e patate al forno

Sarde e patate al forno

In una teglia mettete tutti gli ingredienti con un po' d’acqua. Le patate vanno tagliate a fettine ed il pesce diliscato. E’ opportuno fare un un solo strato di patate con sovrastante strato di sarde.  Si possono aggiungere: alcuni pomodori...


Fagioli e scarola

Fagioli e scarola

250 gr fagioli bianchi, 1 kg di scarola, 1 bicchiere medio di olio di oliva, 1 spicchio d’aglio, sale, peperoncino. Mettete a cuocere i fagioli in acqua fredda ( l’acqua deve superare i fagioli di quattro dita), se durante la cottura l’acqua si...


Peperoni alle olive di Gaeta

Peperoni alle olive di Gaeta

4 peperoni colorati, 200 gr di olive di Gaeta, 2 cipolle, olio d’oliva, sale.  In una casseruola fate appassire nell’olio la cipolla tagliata a fette sottili. Versateci poi dell’acqua e, quando la cipolla risulta morbida e trasparente, aggi...